Due giorni dopo Natale, la Chiesa ricorda San Giovanni i cui scritti enfatizzano il comandamento dell’amore di Gesu’ e la luce che venne nel mondo.

john_evangelist

San Giovanni fu uno dei dodici discepoli di Gesu’ e nella tradizione cristiana viene identificato come il “Discepolo che Gesu’ amava”, come e’ scritto nel suo stesso vangelo.

Secondo il racconto del vangelo, Giovanni e suo fratello Giacomo sono stati tra i primi discepoli chiamati da Gesu’. Erano pescatori e figli di Zebedeo. Secondo il vangelo di San Giovanni, lui e suo fratello erano stati discepoli di San Giovanni Battista. Giovanni faceva parte di una cerchia ristretta di tre discepoli, con Pietro e Giacomo, chiamati a testimoniare la risurrezione della figlia di Giairo (Marco 5,37, Luca 8,51), la trasfigurazione di Gesu’ (Matteo 17,1, Marco 9,2, Luca 9,28), e la passione nell’orto del Getsemani (Matteo 26,37, Marco 14,33). Il discepolo prediletto era presente sotto la Croce insieme alla madre di Gesu’ che Gesu’ gli affida (Giovanni 19,26-27).

Negli Atti degli Apostoli, Giovanni accompagna Pietro nella sua missione a Gerusalemme (Atti 3,1, 4,1) e in Samaria (Atti 8,14).

Piu’ tardi la tradizione gli attribuisce cinque libri del Nuovo Testamento: il Vangelo, l’Apocalisse e le tre Lettere. Si dice che Giovanni abbia vissuto una vita lunga, vivendo a Efeso in Asia Minore.