Martedì 9 maggio 2017, il Seminario Francese a Roma è stato riconosciuto come “Casa della Vita” per aver salvato gli ebrei durante la Shoah.

Il 24 Aprile 2017, Giorno della Memoria dell’Olocausto, Yediot Ahronot ha pubblicato la storia delle Suore Francescane di Maria che hanno salvato alcuni Ebrei dal Ghetto di Varsavia.

Mercoledi’ 25 Gennaio 2017, un nuovo film, “Open Door” [Una Porta Aperta], e’ stato presentato per la prima volta in Israele al cinema di Tel Aviv. Padre David Neuhaus, Vicario del Patriarcato Latino, ha partecipato all’evento.

I Cristiani Polacchi che hanno salvato ebrei durante la Shoah sono stati onorati da un’organizzazione ebraica Americana.

T. della comunita’ di Haifa ci ha inviato una commovente testimonianza di Nicholas Winton che ha salvato 669 bambini durante la Shoah.

Il 24 Novembre 2015, Padre Bienvenido OFM, cappellano della comunita’ Santa Famiglia di Nazareth, ha partecipato ad un evento straordinario a Yad VaShem.

Lo Yad vaShem ha riconosciuto il sacerdote gesuita padre Raffaele de Ghantuz Cubbe, come Giusto tra le Nazioni in una cerimonia che si è tenuta a Roma il 14 dicembre 2010.
Una delle testimonianze più commoventi al Museo Yad vaShem a Gerusalemme è quella di Rina Sha’ashua Hason, originaria di Plovdiv in Bulgaria. Al centro della sua testimonianza c’è la figura del vescovo di Plovdiv, il metropolita Kiril.

Da Yad VaShem, abbiamo ricevuto una bellissima storia di eroismo di Padre Borsotto il quale, alla viglia di Natale, ha rivelato ai suoi parrocchiani che lui aveva nascosto degli ebrei nel villaggio.

Rome Reports ha pubblicato un breve video di una Chiesa romana in cui molti ebrei hanno trovato rifugio durante la Shoah.

Padre Roman, responsabile della comunità di Haifa, racconta di una cerimonia commovente in onore di Slawa, membro della comunità di Haifa.

Yad Vashem ha conferito il titolo di “Giusto tra le Nazioni” a Madre Giuseppina Biviglia, badessa delle Suore di San Quirico di Assisi, per aver salvato molti ebrei, anche a costo della sua vita, durante gli anni della Seconda Guerra Mondiale.

Una nuova mostra sui Giusti tra le Nazioni è stata inaugurata al museo Yad vaShem lo scroso giugno.

Il Cardinal Elia Angelo Dalla Costa (1872-1961), Arcivescovo di Firenze, è stato riconosciuto Giusto fra le Nazioni lunedì 26 novembre 2012. Il nome del Cardinale sarà inciso nella Parete d'onore del Giardino dei Giusti allo Yad vaShem.

Padre Francesco Bertoglio, Rettore del Pontificio seminario lombardo nel 1943, nascose centinaia di ebrei dai nazisti nel seminario a Roma. Vestì alcuni di loro come seminaristi per proteggerli.
Il 10 maggio 2012 tra coloro che sono stati riconosciuti modello di fede c'è un nuovo beato, Odoardo Focherini da Carpi (Italia), che salvò diversi ebrei durante la Shoah e morì in un campo nazista nel 1944.
Martedì 8 febbraio 2012, lo Yad vaShem ha tenuto una cerimonia per onorare suor Marie Emilienne e padre Joseph Caupert come Giusti tra le Nazioni dalla Francia.
Il sito del Vicariato san Giacomo ha pubblicizzato la cerimonia in cui Madre Marie-Veronique (Philomene Smeers) è stata onorata con il titolo di Giusta fra le Nazioni allo Yad vaShem.
Il 3 novembre 2011 lo Yad vaShem a Gerusalemme terrà una cerimonia in cui una suora belga sarà dichiarata Giusta tra le Nazioni.
Il 15 settembre 2011, è stato assegnato il titolo di Giusto tra le Nazioni al defunto padre Ottavio Posta dallo Yad vaShem, in memoria dei 30 ebrei che salvò durante la Shoah.