Hanna Kleinberger è stato un membro della comunità di Gerusalemme per più di quarant’anni ed ha molto contribuito al suo bene. È deceduta il 6 agosto 2012.

hanna_kleinberger

Hanna nacque ad Antwerp, Belgio, l’8 dicembre 1924. Era la primogenita di tre bambini di una famiglia ebraica immigrata in Belgio dalla Polonia.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, Hanna, come altri membri della sua famiglia, fu nascosta in diverse case di diverse congregazioni religiose. Fu anche capace di terminare i suoi studi di infermiera. Dopo la liberazione dall’occupazione tedesca ma prima che la famiglia si riunisse, morì la madre. Pochi mesi dopo Hanna e sua sorella furono battezzate.

Alcuni anni più tardi Hanna entrò nella Congregazione delle Suore della Carità di Namur e rimase membro di questa congregazione fino alla sua morte. Come suora ed infermiera andò nello Zaire dove svolse la sua missione per 13 anni. Amava l’Africa e gli Africani.

Durante un breve soggiorno in Israele, Hanna si unì alle Piccole Sorelle di Gesù per un ritiro diretto da padre Daniel Rufeisen. Durante questo tempo comprese che era il momento di chiedere il permesso di venire a vivere in Israele. Contrariamente ad ogni aspettativa, la risposta dei suoi superiori fu positiva e fece l’aliyah nel 1970.

Dopo un breve Ulpan (aveva studiato un po’ di ebraico da bambina), Hanna potè lavorare come infermiera all’ospedale Hadassa. Il direttore della Scuola Infermiere, sapendo che Hanna era ben formata come infermiera, le chiese di aiutare nella formazione delle studentesse e di servire come suo vice in certi campi. Quando lo Stato d’Israele decise di inviare un medico ed una infermiera ad assistere nella fondazione di un nuovo ospedale a Kinshasa, Hanna, che era già in pensione dal lavoro attivo, si offrì volontaria per andare e fu accettata. Fu accolta calorosamente dalle sue sorelle e dalle sue studentesse qui, di cui molte erano già madri di famiglia. Ebbe la gioia di lavorare con lo staff locale ed il medico israeliano per sei mesi. Il direttore della Scuola Infermieri ha dato il suo caloroso tributo in occasione del suo funerale.

Durante gli ultimi anni della sua vita e specialmente negli ultimi mesi, Hanna dovette rinunciare a molto, perdendo tutto ciò che un tempo aveva…tutto ciò che un tempo sapeva…tutto ciò che era stata capace di fare. Ma nonostante ciò ha preservato sempre, fino alla fine, il suo bel sorriso.

Anna è stata un regalo per l’intera famiglia. Fu anche un prezioso regalo per la comunità di Gerusalemme e per le qehillot.

Moritz, un giovane volontario allo Yad vaShem ed anche infermiere assistente all’ospedale Saint Louis, dove Hanna ha trascorso i suoi ultimi giorni, ha scoperto tracce di Hanna allo Yad vaShem. Fu essa che portò al riconoscimento di quatro Giusti tra le Nazioni: suor Madeleine Herbecq, suor Germaine Bribosia, suor Madeleine Moguet e suor Emilie (Catherine) Yvens (che nascosero Hanna ed altre giovani donne ebree). Il padre André Meunier (che lavorò con la madre di Hanna per aiutare a salvare molti altri ebrei) e stato anche lui riconosciuto.

Uno che la conobbe bene è fra’ Yohanan Elihai, che scrive:

“Nella comunità portò la sua fede tranquilla e la sua conoscenza della storia della Chiesa, che si poteva notare quando parlava ed anche in alcune lezioni che tenne. Posso dire che era molto profonda e spirituale ed allo stesso tempo veramente semplice e delicata, che rispettava tutti”.

Possa la sua memoria essere una benedizione!

hanna_rina
Hanna Kleinberger con Rina Geftman