Jeanne-Marie de Montalembert è stata un pilastro della comunità di Haifa, fin da quando vi giunse nel  1960.

jeanne_marie

Era nata in Francia il 27 settembre 1918 durante la prima guerra mondiale, in una famiglia aristocratica. Cresciuta  nel collegio delle Suore di Sion, entrò nella Congregazione nel 1938, mostrando grande interesse per il popolo ebraico e l’ebraismo. Dopo anni di insegnamento, si unì ad Ancelles, un gruppo apostolico fondato dalle Suore di Sion e inserito in un ambiente ebraico. In questo contesto studiò come assistente sociale. 

Jeanne-Marie giunse per la prima volta in Israele nel 1955 e vi trascorse un anno ad imparare l’ebraico. Nel 1957, si recò in Tunisia, dove lavorò come assistente sociale in un ospedale di Tunisi. E’ a Tunisi che entrò in contatto con la comunità ebraica. Tuttavia per motivi di salute dovette tornare in Francia, nel 1960.

Nell’ottobre del 1960, si trasferì a Haifa e trascorse un anno a perfezionare il suo ebraico. Nel gennaio del 1961, fu assunta come assistente sociale del Comune di Afula e si occupò  delle famiglie di immigrati provenienti dal Nord Africa. Fece la spola tra Haifa e Afula per undici anni. Nel 1973, trovò un nuovo impiego più vicino a Haifa nel villaggio rurale di Meir Shefaya.

Nel 1983, Jeanne-Marie andò in pensione ed iniziò del volontariato a Haifa. Lavorò part-time in un istituto per disabili mentali. Dopo il 1987 si dedicò per molto tempo alla comunità cattolica di espressione ebraica, in particolare ai membri di terza età.

Nel 1993, Jeanne-Marie fu ricoverata in ospedale. Tornò in Francia, dove morì di cancro il 17 ottobre. Tanti amici e conoscenti che si riunirono a Haifa  per onorare la sua memoria, il 16 Novembre 1993, testimoniano la sua presenza calorosa e radiosa in Israele e nella vita della comunità ebreofona.